giovedì 31 agosto 2017

Commento CCC a YouCat Domanda n. 453



   

YOUCAT Domanda n. 453 - Parte I. Che cosa ha a che fare con Dio il nostro rapporto con la verità?


(Risposta Youcat) Vivere nel rispetto della verità non significa solo essere fedeli a se stessi; più precisamente, significa essere fedeli nei confronti di Dio, che è la fonte di ogni verità. In maniera immediata troviamo la verità su Dio e su tutta la realtà in Gesù, che è «la via, la verità e la vita» (Gv 14, 6).

Riflessione e approfondimenti

(Commento CCC) (CCC 2465) L'Antico Testamento attesta: Dio è sorgente di ogni verità. La sua Parola è verità [Pr 8,7; 2 Sam 7,28]. La sua legge è verità [Sal 119,142]. La sua “fedeltà dura per ogni generazione” (Sal 119,90) [Lc 1,50]. Poiché Dio è il “Verace” (Rm 3,4), i membri del suo popolo sono chiamati a vivere nella verità [Sal 119,30]. (CCC 2466) In Gesù Cristo la verità di Dio si è manifestata interamente. Pieno di grazia e di verità (Gv 1,14), egli è la “luce del mondo” (Gv 8,12), egli è la verità [Gv 14,6]. Chiunque crede in lui non rimane nelle tenebre (Gv 12,46). Il discepolo di Gesù rimane fedele alla sua parola, per conoscere la verità che fa liberi [Gv 8,31-32] e che santifica [Gv 17,17]. Seguire Gesù è vivere dello Spirito di verità (Gv 14,17) che il Padre manda nel suo nome [Gv 14,26] e che guida “alla verità tutta intera” (Gv 16,13). Ai suoi discepoli Gesù insegna l'amore incondizionato della verità: “Sia il vostro parlare sì, sì; no, no” (Mt 5,37).     

Per meditare

(Commento Youcat) Chi segue davvero Gesù porta nella propria vita sempre maggiore fedeltà alla verità: egli elimina dalla sua vita tutte le menzogne, le falsità e le finzioni e diviene trasparente come la verità. Credere non significa altro che divenire testimoni della verità.

(Commento CCC) (CCC 2467) L'uomo è naturalmente proteso alla verità. Ha il dovere di rispettarla e di attestarla: “A motivo della loro dignità tutti gli uomini, in quanto sono persone, […] sono spinti dalla loro stessa natura e tenuti per obbligo morale a cercare la verità, in primo luogo quella concernente la religione. E sono pure tenuti ad aderire alla verità conosciuta e ordinare tutta la loro vita secondo le esigenze della verità” [Dignitatis humanae, 2]. 

(Continua la domanda: Che cosa ha a che fare con Dio il nostro rapporto con la verità?)

Nessun commento: